Igiene e disinfezione clinica nelle strutture ospedaliere

Index

Presentazione dell'Opera (A. Raitano)

Presentazione alla Seconda Edizione (A. Raitano)

Parte Prima (A. Raitano)

STRATEGIE DI IGIENE E DI DISINFEZIONE/STERILIZZAZIONE OSPEDALIERA

Introduzione agli antisettici ed ai disinfettanti

  • Antisepsi, disinfezione e sterilizzazione
  • L'azione biocida

Dalla pulizia alla sanificazione

  • L'esigenza e l'arte della pulizia

I microrganismi nell'aria

La sterilità come obiettivo

  • La sterilizzazione
  • Il concetto variabile

Le mani, una prevenzione fondamentale

  • Le mani
  • A partire dal sapone
  • II lavaggio obbligato delle mani
  • Mani sicure

Piccola Appendice 1°

  • Letteratura "storica" sugli antisettici per le mani

Le infezioni nelle strutture ospedaliere

  • Strutture e rischi infettivi
  • La questione delle epatiti virali
  • HIV: un altro problema cruciale
  • Le infezioni fungine

Le valutazioni microbiologiche

  • Il rischio di contaminazione
  • I controlli di laboratorio
  • I test applicabili
  • Studi sul test europeo per la valutazione dell'attività disinfettante/antisettica
  • Le norme AFNOR

Uso ospedaliero di antisettici, disinfettanti e sterilizzanti

  • Responsabilità tecniche e farmaceutiche
  • Cause esterne che concorrono a modificare l'attività degli antisettici e dei disinfettanti/sterilizzanti
  • Compiti del servizio di farmacia ospedaliera
  • La scelta di disinfettanti ed antisettici: competenze e criteri in ospedale
  • Alcune tecniche di disinfezione applicata
  • La preparazione, il confezionamento e la distribuzione delle soluzioni disinfettanti/antisettiche
  • Le scelte operative finali
  • L'uso dei coloranti
  • Le macchie prodotte dalle soluzioni disinfettanti

Piccola Appendice 2°

  • Miscellanea di notizie tecniche
  • I rifiuti ospedalieri
  • II problema e l'igiene
  • La normativa
  • Alcuni aspetti della gestione
  • Conclusioni sullo smaltimento dei rifiuti

Farmacopea Ufficiale della Repubblica Italiana, X edizione, 1998

Selezione legislativa con riferimenti all'antisepsi, alla disinfezione ed alla sterilizzazione

Piccola Appendice 3°

  • Riepilogo chimico di alcune sostanze antisettiche e disinfettanti

Bibliografia Parte Prima

Parte Seconda (C. Curti)

UNA GESTIONE RAZIONALE DEI PRINCIPI ATTIVI USATI PER LA DISINFEZIONE/ STERILIZZAZIONE OSPEDALIERA

Aspetti generali della disinfezione

  • Normative di riferimento
  • Fonti di informazione
  • Microrganismi, rischio infettivo e disinfettanti

Una politica della disinfezione

  • Mappatura dei problemi
  • Definizione dell'obiettivo
  • Scelta dell'intervento da raccomandare
  • Formalizzazione delle scelte
  • Attività di supporto
  • Ruolo dell'infermiere addetto al controllo delle infezioni

Schede monografiche di antisettici e disinfettanti

  • Agenti ossidanti
  • Alcooli
  • Aldeidi
  • Alogenoderivati
  • Clorexidina
  • Derivati fenolici
  • Sali di ammonio quaternario

Due casi di tecniche di disinfezione clinica

  • Uso dei disinfettanti nelle Unità di Cure Intensive (I.C.U.)
  • Uso dei disinfettanti in odontostomatologia

Bibliografia Parte Seconda

Parte Terza (G. Agolini et al)

DISINFEZIONE CLINICA, STERILIZZAZIONE CHIMICA E PROBLEMI FARMACO-ECO-TOSSICOLOGICI

a) Disinfezione clinica

Problemi strategici nella prevenzione delle infezioni ospedaliere

Pseudomonas, un vecchio problema ospedaliero

  • Patogenesi e terapia delle infezioni da Pseudomonas
  • Disinfezione delle attrezzature contaminate
  • Conclusioni

Rischi e responsabilità professionali con l'uso dei disinfettanti "inquinati"

  • Casistica
  • Discussione
  • Considerazioni medico-legali

Lettera aperta sui disinfettanti

Disinfezione clinica nei reparti di terapia intensiva

  • Problemi di disinfezione nell'assistenza respiratoria
  • Problemi di disinfezione nell'assistenza nutrizionale e cardiocircolatoria
  • Errori comuni nell'uso dei disinfettanti nei reparti critici
  • Considerazioni conclusive

Antisettici e chemioterapici nella terapia topica delle ustioni

  1. Premesse
  2. Interventi immediati
  3. Antisettici e chemioterapici usati nella terapia topica delle ustioni
  4. Proprietà ideali degli antisettici e dei chemioterapici a seconda del campo di indicazione preferenziale
  5. Note storiche, meccanismo d'azione, modalità d'impiego e deduzioni logiche
  6. Problemi irrisolti nella terapia topica delle ustioni
  7. Chemioterapia per via generale delle ustioni infette da Ps. aeruginosa e da altri germi
  8. Altri problemi di asepsi, antisepsi e disinfezione nelle terapie mediche e chirurgiche delle ustioni
  9. Conclusioni

Antisepsi e disinfezione nella terapia e nella profilassi delle infezioni micotiche

  • Attività antifungina specifica di antisettici e disinfettanti
  • Controllo del potere antimicotico
  • Problemi correlati all'impiego clinico di antibiotici, chemioterapici ed antisettici ad azione antimicotica
  • Antisettici e disinfettanti nella prevenzione delle micosi

Aspergillosi polmonare, leucemie e trapianti

  • Trasmissione
  • Misure di prevenzione
  • Diagnosi
  • Terapia

Legionella pneumophila in ospedale, un problema superabile

  • Eziopatogenesi dell'infezione polmonare
  • Aspetti clinici della polmonite da legionella
  • Legionella ed ambiente
  • Diagnosi
  • Terapia
  • Prevenzione

La protezione nell'uso del BCG nella vaccinazione antitubercolare e del BCG "immunoteraplco"

Inattivazione dell'HIV e dell'HBV ad opera di alcuni disinfettanti

  1. Introduzione
  2. Resistenza dei virus nell'ambiente
  3. Vie di trasmissione di virus animali
  4. Lipofilia dei virus e dei disinfettanti
  5. Tentativi di standardizzazione dei metodi per valutare le proprietà antivirali dei disinfettanti
  6. Esempi di valutazione di disinfettanti secondo un metodo classico e secondo un metodo non classico

Effetto di disinfettanti fenolici e di un cloroderivato sulla capacità di legame e sull'infettività del virus della epatite C

  • Materiali e metodi
  • Risultati
  • Discussione

Scolicidi topici e moderna chemioterapia nelle asportazioni chirurgiche delle cisti da echinococco

  • Epidemiologia
  • Chirurgia
  • Scolicidi
  • Chemioterapia
  • Conclusioni

b) Disinfezione/sterilizzazione di strumenti, dispositivi ed attrezzature

La sterilizzazione in Europa

La decontaminazione dei ferri chirurgici per la protezione del personale sanitario e dei pazienti

  1. Introduzione
  2. I cloroderivati ed i polifenoli-detergenti per la decontaminazione dei ferri riusabili utilizzati in pazienti HIV, HBV od HCV positivi

Uso scorretto dei disinfettanti e degli sterilizzanti "a bassa temperatura" in endoscopla

  1. Introduzione
  2. Inadeguatezza della pulizia
  3. Errati tempi di contatto
  4. Impiego di disinfettanti inefficaci o troppo diluiti
  5. Errori di risciacquo effettuato con acqua non sterile
  6. Errori da cause meno frequenti

Detergenti enzimatici in endoscopia

  • Enzimi
  • Proteine condizionanti la pulizia e la disinfezione degli endoscopi
  • Esopeptidasi ed endopeptidasi
  • Amilasi e lipasi
  • Dubbi relativi all'aggiunta di disinfettanti
  • Razionale dell'associazione: endopeptidasi più detergenti
  • Detergenti
  • Compatibilità dei detergenti con gli endoscopi e gli sterilizzanti "a freddo"
  • Conclusioni

inefficienza delle glutaraldeidi "diluite" nella sterilizzazione degli endoscopi

  • Problemi generali relativi all'impiego della glutaraldeide in ospedale
  • Importanza della pulizia
  • Attività sporicida e micobattericida della glutaraldeide da sola oppure associata con fenoli o polifenoli
  • Conclusioni

Glutaraldeide: una saga tutta italiana

  • Tossicità e biodegradabilità della glutaraldeide
  • Precauzioni per il personale sanitario
  • Legislazione sulla etichettatura e sullo smaltimento delle soluzioni di glutaraldeide
  • Smaltimento sicuro della glutaraldeide come ordinario rifiuto domestico
  • Conclusioni

Aspetti "emergenti" della pulizia come fattore condizionante la sterilizzazione "a basse temperature"

  • La pulizia fattore condizionante
  • La scelta del detergente
  • Il grado di pulizia ottenuto nei singoli casi

Disinfezione dei tonometri e di altre attrezzature diagnostiche usate in oftalmologia

c) Disinfezione ambientale

Disinfezione ambientale nei centri trasfusionali e nei laboratori

  • Scelta dei decontaminanti e dei disinfettanti ambientali
  • Concentrazioni minime dei cloroderivati
  • Suggerimenti pratici per la disinfezione ambientale

Corrosione, decolorazione e disinfezione

  • Corrosione e decolorazione in rapporto alle caratteristiche strutturali dei ferri, delle attrezzature e delle superfici
  • Prove sperimentali
  • Materiali e metod
  • Conclusioni

La disinfezione in camera operatoria

  1. Premesse
  2. La nebulizzazione di sostanze chimiche per la disinfezione e la sterilizzazione dell'aria in sala operatoria
  3. Condizionamento e filtrazione dell'aria
  4. Uso dei raggi ultraviolett
  5. Conclusioni relative ai metodi di filtrazione dell'aria
  6. Pulizia e disinfezione delle camere operatorie
  7. Conclusioni

Indicazioni e limiti della decontaminazione microbica ambientale In camera operatoria

Virus e disinfezione ambientale

  • La disinfezione ambientale nella profilassi delle infezioni da virus
  • Valutazioni tecnico-pratiche dei cloroderivati
  • Terminologia
  • Valutazione del cloro disponibile
  • Importanza pratica della terminologia
  • Meccanismo dell'azione biocida dei cloroderivati
  • Meccanismo dell'azione ossidante del cloro
  • Problemi generali ed indicazioni specifiche dei cloroderivati nella disinfezione ambientale
  • Valutazioni tecnico-pratiche dei polifenoli
  • Valutazione dell'azione biocida di polifenoli in assenza ed in presenza di sostanze organiche
  • Note conclusive

Antisettici e disinfettanti ambientali nelle infezioni da virus respiratorio sinciziale

Rotavirus: antisepsi e disinfezione ambientale

  1. Premesse
  2. Rotavirus ed enteriti acute
  3. Diagnosi, terapia, prevenzione
  4. Rotavirus, antisepsi e disinfezione ambientale
  5. Discussione e consigli pratici
  6. Conclusioni

d) Disinfezione e farmaco-eco-tossicologia

Esiste la resistenza batterica ai disinfettanti?

  • Resistenza batterica agli antibiotici
  • Resistenza batterica ai disinfettanti
  • Fattori di inefficacia dei disinfettanti
  • Scelta impropria
  • Errori di diluizione o di conservazione, tempi di contatto, pH e temperatura
  • Incompatibilità fisiche e chimiche: presenza di sostanze organiche
  • Conclusioni

Perossidi, cloroderivati e acido ipocloroso nei processi di disinfezione e nelle malattie da radicali liberi

  1. Premesse
  2. Terminologia
  3. Radicali liberi (R.L.) dell'ossigeno
  4. Potenziale ossido-riduttivo (P.O.R.)
  5. Ossigeno e perossido di idrogeno: generalità
  6. Ossigeno e perossido di idrogeno nella disinfezione e nell'antisepsi
  7. Perborati, acido peracetico, monopersolfati
  8. Cloroderivati e disinfezione
  9. NaDCC (sodio dicioroisocianurato)
  10. Perossidi ed acido ipocloroso nelle malattie da radicali liberi
  11. Conclusioni

Tossicologia di alcuni derivati del cloro

Fenolo e derivati: problemi ecologici, impieghi per la protezione dei pazienti e del personale sanitario

  1. Premesse
  2. Tossicità del fenolo
  3. Tossicità dei derivati fenolici
  4. Protezione passiva ed attiva del personale
  5. Conclusioni

Polifenoli detergenti in ospedale, secondo scienza e legge

  • I derivati fenolici
  • Caratteristiche di attività dei polifenoli detergenti
  • Mutagenesi, cancerogenesi, teratogenesi
  • Tossicità ambientale

Utilizzazione delle proprietà biocide dell'ozono nella prevenzione delle infezioni

  1. Scoperta dell'ozono e sue utilizzazioni
  2. Caratteristiche chimiche e fisiche
  3. Meccanismo d'azione dell'ozono nei riguardi di vari microrganismi
  4. Proprietà biocide dell'ozono
  5. Tossicologia dell'ozono
  6. Precauzioni per il personale
  7. Possibili impieghi ospedalieri
  8. Conclusioni